BlogWorkstation e notebook

Quattro mesi con i software illegali

La “condanna” alternativa per un piccolo imprenditore che è stato scoperto senza licenze. Il giudice ha autorizzato la messa alla prova

175810764-4bec5fa4-6e63-4ac2-ae2a-10e7400de3e6Quattro mesi a lavorare in carcere, come pena alternativa a quella che sarebbe stata emessa alla fine di un regolare processo, per aver craccato il software di Microsoft Word nei computer della propria azienda. Piccola pirateria informatica, un vizio piuttosto diffuso, che in questo caso però costerà all’imputato un lungo periodo di sospensione dalla normale attività di imprenditore, per svolgere lavori socialmente utili. E alla fine del percorso saranno assistenti sociali e psicologi a valutare la sua riabilitazione.

Il gip di Torino, Francesca Christillin, ha autorizzato la messa alla prova di quattro mesi per un pubblicitario torinese che nel corso di una indagine è stato pizzicato sprovvisto delle licenze per il software installato nei computer del suo ufficio. L’inchiesta contro di lui era partita dalla denuncia dell’ex socio che sosteneva di essere stato derubato di lavoro frutto dell’ingegno, bozzetti e slogan cui avevano lavorato insieme, su cui riteneva di esercitare il diritto d’autore, al termine di un traumatico scioglimento della società. L’inchiesta condotta dal pubblico ministero Cesare Parodi aveva appurato la sua innocenza, fatto salvo per il fatto che gli investigatori, sequestrando i computer della nuova agenzia pubblicitaria, hanno chiesto anche di esibire le licenze sui programmi installati. L’imprenditore non li aveva.

Si è giustificato dicendo che probabilmente aveva dimenticato di rinnovarle per qualche mese. Ma poiché craccare i software è a tutti gli effetti un reato penale il pm ha dovuto procedere nei suoi confronti. E l’avvocato che lo difende, per evitare che dopo l’archiviazione delle accuse pesanti, dovesse scontare una pena per la piccola pirateria di cui si era macchiato ha chiesto l’alternativa della messa alla prova. Che il giudice gli ha concesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*